Prevenzione oncologica, le donne bergamasche protagoniste al Pirellone


Mostra fotografica sulla lotta delle donne al Pirellone. L’evento è a a cura dell’associazione di Casazza “Cuore di donna”.

Donne bergamasche che lottano protagoniste al Pirellone: inaugurata ieri la mostra fotografica “Semplicemente donna”, in programma a Palazzo Pirelli sino al 25 ottobre. Al Pirellone si possono ammirare 17 immagini di donne che hanno affrontato o stanno affrontando con forza e tenacia un periodo di grande difficoltà. Si tratta di una delle tante iniziative organizzate dall’associazione “Cuore di donna”, nel mese della prevenzione al tumore al seno, l’ottobre rosa.

L’associazione di Casazza, nella Bergamasca, promuove attività di informazione e prevenzione, per tutte le patologie oncologiche di tipo femminile, a cominciare dal tumore al seno. All’inaugurazione hanno partecipato anche la vicepresidente del Consiglio di Regione Lombardia, Francesca Brianza, l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, e la presidente di “Cuore di donna”, Myriam Pesenti.

“Un’iniziativa importante ed utile per sensibilizzare le donne alla prevenzione oncologica. Sono davvero contenta che Regione Lombardia renda protagoniste queste ‘guerriere’, diffondendo un messaggio fondamentale: donne, abbiate cura della vostra salute”. È questo il messaggio che Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, ha lanciato all

“Faccio mio lo slogan scelto per l’evento, vale a dire ‘Amati’ #Dedicati del tempo – ha aggiunto Lara Magoni -; come madrina dell’associazione ‘Cuore di donna’, sostengo i progetti di una realtà territoriale della Bergamasca che ha deciso di diffondere il messaggio della prevenzione anche in ambito scolastico. Prendersi del tempo, avere coscienza delle problematiche oncologiche legate alle donne è un messaggio che deve coinvolgere anche le giovanissime”.

“Grazie all’impulso dell’associazione ho portato nell’aula consiliare durante la passata legislatura il tema delle Breast Unit (centri di senologia), realtà che si prendono cura del paziente a 360 gradi, che oggi in Lombardia rappresentano un’eccellenza nella sanità”, ha concluso l’assessore Magoni.

Tutti i diritti riservati ©



Offerta di Lavoro – PROMOTORI COMMERCIALI SERVIZI PER L’INFANZIA – Lazio – Roma

Cerchi un sito web ?
Realizzazione siti web

Cerchi un autonoleggio per fittare la tua auto?
Autonoleggio Economici

Cerchi un fioraio a Napoli?
Fiorai Napoli

Cerchi un servizio di assistenza Caldaie a Firenze?
Assistenza e Manutenzione Caldaie Firenze

Cerchi un Cartomante al telefono?
Cartomanzia a basso costo

Cerchi un esoterista online?
Incantesimi d’amore e Legamenti d’amore

Cerchi un esperto fabbro idraulico o elettricista?
www.prontocasas24h.it/pronto-intervento

Cerchi un Falegname a Napoli?
Falegname Napoli

Iptv Abbonamento

Traffico congestionato e nuovi cantieri lungo la provinciale, il malcontento degli automobilisti


Non si spegne mai il tema della viabilità congestionata in Val Seriana: nuovi cantieri lungo la provinciale rischiano di bloccare ulteriormente il traffico.

Sembra non spegnersi mai il tema della viabilità congestionata in Val Seriana: oltre alle code quotidiane che interessano numerosi tratti della strada provinciale, nuovi cantieri rischiano di bloccare ulteriormente il traffico.

In particolare, il cantiere tra Albino e Gazzaniga per lavori di realizzazione e manutenzione fibra ottica, regolamentato da senso unico alternato con impianto semaforico dal 14 ottobre al 15 novembre nella fascia oraria compresa tra le 20 e le 6 dei giorni lavorativi, è stato subito segnalato dagli utenti del gruppo Facebook “Viabilità Valle Seriana”.

Come si legge nei post, il cantiere in preparazione questo mercoledì dalle 19 nella zona della fermata degli autobus tra i comuni di Gazzaniga e Cene, ha creato ulteriori rallentamenti e grande è il malcontento dei pendolari.

“Ogni giorno ce n’è una – spiega Martino Bigoni, moderatore del gruppo Facebook -. Oltre a questo nuovo cantiere anche nella strada interna a Cene c’è un senso unico alterato, il che ha congestionato ulteriormente il traffico. Sembra non esserci un coordinamento nello svolgimento dei lavori”.

Così, c’è chi per fare 50 km – dall’alta Valle fino alla bassa bergamasca per interdici – ci mette 2 ore invece di 1, passando quasi più tempo in auto che con la propria famiglia.

“Quella che viviamo ogni giorno – conclude Bigoni – è una situazione davvero inaccettabile. Non chiediamo miracoli o investimenti surreali ma almeno che si sistemino le cose con piccoli accorgimenti”.

Tutti i diritti riservati ©



Offerta di Lavoro – Corso per Macellaio-Gastronomo – Piemonte – Torino

Cerchi un sito web ?
Realizzazione siti web

Cerchi un autonoleggio per fittare la tua auto?
Autonoleggio Economici

Cerchi un fioraio a Napoli?
Fiorai Napoli

Cerchi un servizio di assistenza Caldaie a Firenze?
Assistenza e Manutenzione Caldaie Firenze

Cerchi un Cartomante al telefono?
Cartomanzia a basso costo

Cerchi un esoterista online?
Incantesimi d’amore e Legamenti d’amore

Cerchi un esperto fabbro idraulico o elettricista?
www.prontocasas24h.it/pronto-intervento

Cerchi un Falegname a Napoli?
Falegname Napoli

Iptv Abbonamento

Offerta di Lavoro – Corso per Pasticcere Professionale – Piemonte – Torino

Cerchi un sito web ?
Realizzazione siti web

Cerchi un autonoleggio per fittare la tua auto?
Autonoleggio Economici

Cerchi un fioraio a Napoli?
Fiorai Napoli

Cerchi un servizio di assistenza Caldaie a Firenze?
Assistenza e Manutenzione Caldaie Firenze

Cerchi un Cartomante al telefono?
Cartomanzia a basso costo

Cerchi un esoterista online?
Incantesimi d’amore e Legamenti d’amore

Cerchi un esperto fabbro idraulico o elettricista?
www.prontocasas24h.it/pronto-intervento

Cerchi un Falegname a Napoli?
Falegname Napoli

Iptv Abbonamento

Offerta di Lavoro – Artisti per eventi , 15 figure ambosessi – Lazio – Roma

Cerchi un sito web ?
Realizzazione siti web

Cerchi un autonoleggio per fittare la tua auto?
Autonoleggio Economici

Cerchi un fioraio a Napoli?
Fiorai Napoli

Cerchi un servizio di assistenza Caldaie a Firenze?
Assistenza e Manutenzione Caldaie Firenze

Cerchi un Cartomante al telefono?
Cartomanzia a basso costo

Cerchi un esoterista online?
Incantesimi d’amore e Legamenti d’amore

Cerchi un esperto fabbro idraulico o elettricista?
www.prontocasas24h.it/pronto-intervento

Cerchi un Falegname a Napoli?
Falegname Napoli

Iptv Abbonamento

Alex Zanardi agli studenti dell’Università: “Lavoro, impegno, determinazione”


Alex Zanardi agli studenti dell’Università: “Coltivate lavoro, impegno, determinazione e soprattutto passione”.

Lavoro, impegno, determinazione. Ma soprattutto passione. «È la passione che ti cambia la vita». Alex Zanardi, il campione paralimpico che ha abituato gli sportivi di tutto il mondo a imprese (quasi) impossibili, ha voluto trasmettere questo messaggio agli studenti dell’Università degli studi di Bergamo, partecipando all’incontro «UniBg senza limiti». Una serata durante la quale l’Ateneo ha raccontato come, attraverso specifici programmi, stia sostenendo non solo la crescita accademica e la capacità di superare gli ostacoli ma anche lo sviluppo sportivo dei propri iscritti. 

Nessuno, meglio di Alex Zanardi, poteva rappresentare il percorso faticoso e, al tempo stesso ambizioso, di un atleta chiamato a raggiungere i propri obiettivi – ha detto il rettore dellUniversità degli Studi di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini, spiegando – Una delle note distintive della nostra Università è lattenzione alla specificità delle persone, per permettere a tutti di esprimere al meglio le proprie potenzialità. Questo è vero nello studio e lo è altrettanto nello sport, fonte di benessere fisico e psichico

Anche dopo il terribile incidente del 2001 che lo ha privato di entrambe le gambe, Zanardi non si è mai fermato. È tornato in pista, alla guida di auto da corsa, ha superato i propri limiti diventando campione di handbike, conquistando ben quattro medaglie d’oro alle paralimpiadi di Londra 2012 e di Rio 2016, e ha compiuto l’impresa dell’Ironman sfidando se stesso e gli altri atleti in gara con 3,86 km di nuoto, 180,260 km in bicicletta e 42,195 km di corsa. Il tutto, senza mai perdere il sorriso. 

«La vita è una, ma ogni giorno può restituire un risultato, è per questo che va riempita di onesti tentativi ancor più che di grandi risultati. In questi anni ho imparato che la disabilità è una condizione, non un limite e lo sport è in grado di esprimere questa verità in modo molto chiaro, senza bisogno di metafore. Anzi, quando vedi un atleta paralimpico compiere la sua impresa, ti rendi conto in maniera tangibile e disarmante, di quanto lavoro ci sia dietro, di quante difficoltà siano state superate. Credo che lo sport paralimpico possa essere dispirazione ai ragazzi, per aiutarli a comprendere come ognuno di noi possa lavorare per spostare i propri limiti, che questo serva a preparare una gara o ad ogni momento della vita» – ha detto il campione paralimpico Alex Zanardi, dialogando con la platea in Aula Magna.

E proprio per incoraggiare gli studenti a coltivare quella straordinaria scuola di vita che è lo sport, UniBg ha sviluppato Dual Career, il programma nato per permettere allo studente-atleta di combinare la propria carriera sportiva con lo studio in modo flessibile. “Ogni anno   spiega Rosella Giacometti, rappresentate del Rettore nel consiglio direttivo del CUS Dual Career, servizi sportivi alla persona e innovazione a favore della disabilità – vengono ammessi dieci nuovi studenti  atleti, che possono usufruire di: immatricolazione in regime di tempo parziale, sospensione degli studi per un anno in caso di importanti impegni sportivi, come i Giochi Olimpici o i Campionati Mondiali, tutorato amministrativo e per laccesso ai servizi, supporto nellinformazione sul programma desame, testi e dispense e accesso agli impianti sportivi universitari e alla foresteria (per i non residenti nella provincia di Bergamo) in occasione degli esami

Con la collaborazione del Centro Universitario Sportivo e del Comitato Italiano Paralimpico delegazione di Bergamo è stata sviluppata la «palestra inclusiva»: un luogo in cui, grazie ad attrezzature specifiche e a istruttori opportunatamente formati, non esistono limiti alla capacità di allenamento. Un’esperienza che punta a dare nuove opportunità anche a giovani atleti come Cristina Caironi, Andrea Mancuso e Norbert Casali. Per Cristina, affetta da diparesi spastica, frequentare la palestra inclusiva è un’occasione per sentirsi integrata, confrontandosi con altri atleti sul piano puramente sportivo. Per Andrea, pensare a una vita senza lo sport è semplicemente impossibile e questo anche grazie alla palestra inclusiva, frequentabile anche da chi, come lui, è in carrozzina. E la stessa sensazione di libertà la prova Norbert, atleta paraolimpico di triathlon, che assicura: «Quando ho iniziato ad avere problemi con la vista, lo sport mi ha fatto rinascere e riscoprire il mio corpo. E grazie al programma Dual Career ho potuto conciliare meglio gli impegni universitari con quelli atletici». 

Ma non è tutto. L’impegno dell’Università in questo ambito si è concretizzato nel progetto della carrozzina versatile, che lega ricerca e sport, coinvolgendo docenti e studenti dei vari dipartimenti, in un approccio multidisciplinare. Una carrozzina dai costi contenuti, modulare, adattabile a più atleti per favorire l’avviamento allo sport paralimpico nella specialità di atletica leggera che è stato possibile realizzare dopo un lungo percorso iniziato del 2012, su impulso di Rotary Club Dalmine e di Mario Poletti allenatore della nazionale paralimpica di atletica la carrozzina è grazie al sostegno nelle prime fasi della Fondazione UBI Banca Popolare di Bergamo Onlus.

Tutti i diritti riservati ©



Miglioramento degli accessi al Pronto soccorso: il progetto di Ats


Il Gruppo di Miglioramento degli accessi al Pronto soccorso: una task force provinciale guidata da ATS Bergamo per risolvere il problema.

Tutta la sanità provinciale, ma anche le associazioni e il sistema dei Comuni e quello sociale insieme, per risolvere il problema delle code al pronto soccorso: l’ambizioso progetto di ATS Bergamo è stato presentato ieri pomeriggio nella sede di Via Gallicciolli.

Oltre a Massimo Giupponi e Carlo Alberto Tersalvi, direttore generale e direttore sanitario dell’Agenzia di Tutela della Salute, erano presenti rappresentanti dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Famiglia, cooperative di Medici di Medicina Generale gestori di PIC, l’Associazione parkinsoniani, la Fondazione Carisma, la Fondazione Rota Onlus, il Centro Servizi Volontariato, Areu, Cittadinanza attiva, IOB Policlinico San Pietro, IOB Policlinico San Marco, Humanitas Gavazzeni, Habilita, Casa di Cura San Francesco, Ferb Onlus, AAT-118BG e le tre ASST (Papa Giovanni XXIII, Bergamo Est e Bergamo Ovest).

“Il tema è critico e su di esso il nostro sistema ha deciso di lavorare seguendo un ben preciso schema di governance che vede coinvolta l’ATS con la partecipazione del Consiglio di rappresentanza dei sindaci, l’Ordine dei Medici e l’Ordine delle Professioni infermieristiche della provincia di Bergamo. Il Gruppo di Miglioramento coinvolge associazioni del mondo del volontariato sociale e dei servizi, nonché i diversi attori del sistema sanitario e sociosanitario del territorio bergamasco. Il problema è talmente complesso che richiede la partecipazione convinta degli attori direttamente o indirettamente coinvolti nel sistema delle emergenze urgenze e che possono svolgere un ruolo attivo nella individuazione e realizzazione di azioni di miglioramento. Dobbiamo essere consapevoli che nessuno può gestire questo tipo di problema nella propria struttura e in solitaria. Serve un’azione corale. Così come è evidente che il meccanismo funzionerà se tutti si sentiranno parte integrante della rete, se faranno proposte sostenibili e se si assumeranno la loro quota parte di responsabilità”, ha esordito il direttore generale di ATS Bergamo Massimo Giupponi.

Il direttore sanitario Carlo Alberto Tersalvi ha chiarito gli obiettivi: “Cercare di rispondere in modo adeguato alle necessità del territorio, migliorando le performance assistenziali del PS e rispondendo ai picchi di iperafflusso. Se riusciamo ad affrontare la questione complessivamente, badando a tutti i punti di vista, possiamo cercare di trovare risposte corrette dove ciascuno è chiamato a fare il suo pezzo con libertà ma anche con responsabilità. Ci aspettiamo contributi fattivi”.

A spiegare il metodo la dottoressa Isabella Trezzi di ATS Bergamo: Individuare almeno dieci azioni di miglioramento da mettere in campo in 45 giorni. Le proposte dovranno pervenire dai vari attori all’Agenzia di Tutela della Salute entro il 24 ottobre, poi in tre successive riunioni a ottobre, novembre e dicembre si passerà alla scelta delle più valide e alla loro messa in pratica, monitorando costantemente lo stato di avanzamento”.

I primi punti critici già emersi nella riunione di ieri sono gli accessi impropri, che letteralmente invadono e intasano i PS, e le problematiche relative alla collocazione di parte dei pazienti in uscita, quando gli stessi non possono tornare al loro domicilio.

Tutti i diritti riservati ©



La Polizia controlla 30 autobus, solo uno sovraffollato


Controlli sugli autobus da parte della Polizia: solo un mezzo su 30 multato per avere troppi passeggeri.

Oltre 30 i mezzi pubblici controllati a Bergamo e in provincia dalla Polizia stradale, in un solo caso è stata data una sanzione per sovrannumero di passeggeri.

Undici passeggeri in piedi in sovrannumero, 87 euro e un punto della patente tolto all’autista di un bus che trasportava studenti a Trescore.

Gli agenti hanno messo in atto servizi specifici mirati al controllo della capienza dei passeggeri a bordo degli autobus diretti agli istituti scolastici cittadini ed in provincia, al fine di tutelare la sicurezza degli studenti sui mezzi di trasporto pubblici.

Le pattuglie hanno operato controlli nei confronti di oltre 30 autobus sia in ambito cittadino che extraurbano. Tutti gli autobus sono risultati in regola tranne uno, come detto, a cui è stata comminata una sanzione per violazione dell’articolo 169 del Codice della Strada.

Durante i controlli, una pattuglia è intervenuta anche su richiesta di un conducente di uno degli autobus per sedare un diverbio nato fra l’autista stesso e 5 studenti per motivi legati ai loro comportamenti a bordo.

Tutti i diritti riservati ©



Settimana Nazionale della Protezione Civile


Anche in bergamasca iniziate in occasione della “Settimana Nazionale della Protezione Civile”.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, con direttiva del 1° aprile 2019, ha istituito dal 13 al 20 ottobre la “Settimana Nazionale della Protezione Civile” finalizzata alla diffusione, sull’intero territorio nazionale, della conoscenza e della cultura di protezione civile.

L’iniziativa ha come obiettivo quello di favorire l’informazione della popolazione sugli scenari di rischio e sugli strumenti di pianificazione.

Nell’ambito degli appuntamenti dedicati alla protezione civile, la Prefettura di Bergamo, in sinergia con la Provincia, ha organizzato un momento di confronto con tutti i principali attori del settore, che prevede un focus sulla pianificazione e sul ruolo del Volontariato.

Nell’iniziativa, che avrà luogo mercoledì 16 ottobre, alle 17, presso l’Auditorium del Liceo Scientifico Statale Lorenzo Mascheroni di Via Alberico da Rosciate, 21/A, saranno coinvolti anche i rappresentanti del mondo dell’istruzione, cui compete il fondamentale ruolo della diffusione di una cultura consapevole e condivisa della prevenzione del rischio nell’ambito della protezione civile.

All’incontro-dibattito, oltre al Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo ed al Dirigente dell’Ufficio Scolastico territoriale, sono stati invitati a partecipare tutti i Sindaci dei Comuni bergamaschi, i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine e del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Bergamo, il Comandante del 3° Reggimento Sostegno Aves “Aquila”, il dirigente dell’Ufficio Territoriale Regionale di Bergamo, il Direttore Generale dell’ATS di Bergamo, il Direttore AAT 118 di Bergamo, il Presidente della Croce Rossa Italiana Comitato Hinterland di Bergamo, il Direttore del Dipartimento Arpa di Bergamo e Cremona, il dirigente dell’AIPO Agenzia di Cremona, il Direttore SOREU delle Alpi di Bergamo i Presidenti delle Associazioni di Volontariato di protezione civile della provincia, i Dirigenti delle Società Enel, Terna, Telecom-TIM, Vodafone, Wind/Tre e Fastweb.

Tutti i diritti riservati ©