Guerini, dopo il malore segnali di ripresa


Migliorano le condizioni di salute di Vincenzo Guerini, colto da un malore lo scorso 22 marzo.

E’ stato operato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo nella notte fra venerdì e sabato scorsi il velocista originario di Vertova Vincenzo Guerini, che il 22 marzo durante la festa del sessantesimo di fondazione dell’Atletica Bergamo 59, è stato colpito da un malore (leggi qui l’articolo).

Le sue condizioni stanno migliorando, dopo il risveglio dall’operazione è spostato dalla terapia intensiva all’unità coronarica.

Guerini è del 1950. Nel suo albo d’oro, nella staffetta 4 x 100, ha conquistato 3 medaglie in gare  internazionali: un oro, un argento e tre bronzi.

Tutti i diritti riservati ©



Infortunio Cazzano, i sindacati “Bisogna fare chiarezza”


Infortunio mortale a Cazzano: domani i sindacati incontreranno l’azienda, giovedì i lavoratori. “Bisogna fare chiarezza sull’accaduto”.

In merito all’infortunio mortale di questa mattina (leggi qui) in una ditta di Cazzano Sant’Andrea dove una 50enne, Monica Cavagnis, ha perso la vita per strangolamento provocato dalla sciarpa che indossava impigliata nei cilindri di un macchinario per la fabbricazione di tessuti per tappeti, i sindacati informano che domani incontreranno i rappresentanti ti dell’azienda. 

Non ci sarebbero testimoni diretti ma da una prima ricostruzione sembra che la signora sia salita su una scala per controllare da vicino il tessuto e, nell’avvicinarsi ai cilindri in movimento, sembra che la sciarpa si  sia  impigliata, soffocandola. È stata rinvenuta da un collega che ha tagliato la sciarpa e fatto intervenire i soccorsi per tentare, invano, di rianimarla.

Nell’azienda tessile lavorano circa 140 persone. Con loro, giovedì, si incontreranno in assemblea i sindacati di categoria FILCTEM-CGIL, FEMCA-CISL e UILTEC-UIL di Bergamo. Si deciderà in quella sede se intraprendere eventuali azioni di protesta.

“E’ una tragedia, siamo vicini alla famiglia dell’operaia, a cui porgiamo le più addolorate condoglianze” hanno commentato oggi Enio Cornelli di FILCTEM-CGIL, Milena Occioni di FEMCA-CISL e Luigi Zambellini di  UILTEC-UIL di Bergamo.  “Ora aspettiamo di capire cosa sia accaduto, se la lavoratrice si sia chinata per un malore o per l’espletamento di  una mansione lavorativa. Ma vogliamo anche sapere se il macchinario su cui stava operando fosse dotato di tutte le misure di protezione, schermatura e sicurezza necessarie. Certo è che questo nuovo infortunio mortale si inserisce in un quadro già drammatico di morti sul lavoro e di infortuni che si ripetono a ritmi allarmati in tutti i settori lavorativi della nostra provincia”.

Tutti i diritti riservati ©



Infortunio sul lavoro a Cazzano, muore mamma 50enne


E’ Monica Cavagnis, mamma 50enne, la vittima del tragico infortunio di questa mattina a Cazzano Sant’Andrea.

L’elisoccorso atterrato vicino al luogo dell’infortunio

E’ Monica Cavagnis, mamma 50enne, la vittima del tragico infortunio di questa mattina a Cazzano Sant’Andrea. Monica lascia due figli: Manolo Morettini, giovane promessa dell’Enduro e Mirea. 

La donna è stata soccorsa alle 10.30 mentre si trovava al Tappetificio Radici a lavorare ma per lei non c’è stato nulla da fare: stando ad una prima ricostruzione la sciarpa che indossava si sarebbe incastrata in un macchinario stringendole il collo fino a farla soffocare. Nulla hanno potuto i soccorsi allertati tempestivamente dai colleghi.

Sul posto sono giunti l’elisoccorso, l’automedica e la Croce verde di Colzate, oltre ai tecnici Asl e ai carabinieri.

“Tutto il mondo dell’enduro vuole esprimere il proprio cordoglio alla famiglia Morettini – riporta il sito internet GPenduro.com – e, soprattutto a Manolo, con cui abbiamo condiviso e vissuto lo scorso fine settimana il suo debutto nella classe Youth del Campionato Mondiale Enduro al GP di Germania. Piangiamo insieme alla famiglia Morettini. Un grosso abbraccio con l’invito a guardare avanti con coraggio nella volontà che accomuna tutti noi enduristi per non arrenderci mai anche di fronte agli ostacoli più duri dello sport e della vita”.

Tutti i diritti riservati ©



Infortunio sul lavoro a Cazzano, muore una 50enne


Elisoccorso a Cazzano Sant’Andrea per un infortunio sul lavoro. Morta una 50enne.

Intervento dell’elisoccorso di Bergamo questa mattina a Cazzano Sant’Andrea per prestare soccorso ad una persona rimasta ferita in un infortunio sul lavoro.

L’incidente si è verificato al Tappetificio Radici: stando ad una prima ricostruzione la sciarpa indossata da una donna si sarebbe incastrata in un macchinario stringendole il collo fino a farla soffocare. Nulla hanno potuto i soccorsi: la 50enne è morta.

Sul posto l’elisoccorso, l’automedica e la Croce verde di Colzate, oltre ai tecnici Asl e ai carabinieri.

Tutti i diritti riservati ©



Infortunio sul lavoro a Cazzano, sul posto l’elisoccorso


Elisoccorso a Cazzano Sant’Andrea per un infortunio sul lavoro.

Intervento dell’elisoccorso di Bergamo questa mattina martedì 26 marzo a Cazzano Sant’Andrea per prestare soccorso ad una persona rimasta ferita in un infortunio sul lavoro.

L’incidente si è verificato in un’azienda in via Cavalier Pietro Radici attorno alle 10.30, la persona coinvolta è stata soccorsa in codice rosso.

Sul posto l’automedica e la Croce verde di Colzate.

Seguono aggiornamenti.

Tutti i diritti riservati ©



Torna nel week end a Villa di Serio “Mattoncini in Villa”


Appuntamento sabato sabato 30 e domenica 31 marzo a Villa di Serio con la quarta edizione di “Mattoncini in Villa”.

Edizione 2018

Mattoncini in Villa giunge alla sua quarta edizione, l’evento legato al mondo dei mattoncini LEGO® promosso dall’associazione Traiettorie Instabili con la presenza di ItLUG (Italian LEGO® User Group), con il patrocinio del Comune di Villa di Serio e Promoserio.

L’evento troverà spazio nella Palestra Polifunzionale di Villa di Serio in via Roma e sarà aperto al pubblico sabato 30 marzo dalle ore 14.00 alle 19.30 e domenica 31 dalle 10.00 alle 18.00 con ingresso gratuito.

Proposta per la prima volta nel 2016, la manifestazione ha riscosso un ottimo successo con un afflusso di gente superiore alle quattromila persone per passare alle oltre 9.000 delle edizioni 2017 e 2018.

I numeri della quarta edizione:

• Più di 1500 mq di area espositiva coperta.
• Oltre 100 espositori provenienti da tutto il nord Italia e non solo: Veneto, Lombardia, Piemonte, e appartenenti ad alcuni dei più importanti Lug del nostro paese come ItLUG , Cremona Briks, Piemonte Briks e Roma Brick giusto per citarne alcuni.
• Oltre 5.000.000 i pezzi di LEGO® stimati che verranno utilizzati per le creazioni

Gli spazi espositivi ospiteranno tante costruzioni uniche realizzate con passione dai vari espositori, vi sarà un diorama comunitario City totalmente rinnovato grazie al contributo di 16 costruttori, un plastico ferroviario di 6 mt, un GBC (great ball contraption) cioè una serie di moduli che grazie all’ingegnoso utilizzo dei meccanismi LEGO movimenteranno delle palline attraverso un percorso automatizzato, saranno inoltre presenti spazi tematici dedicati alle linee Star War, Architecture, City, Technic, Castle, Friends/Elves, Disney, Jurassic Park, Indiana Jones, Exo Force, Ninjago e Brickheads.

L’attrazione di punta dell’esposizione 2019 sarà la presenza, in anteprima assoluta nella provincia di Bergamo, di un mosaico di oltre 16 mq realizzato con oltre 60.000 pezzi che riproduce il Torrazzo di Cremona.

Troverà spazio la stupenda riproduzione del centro di Bergamo (centro Piacentiniano) realizzato con oltre 250.000 mattoncini e che occuperà una superficie di quasi 13 mq. a cui si affiancheranno riproduzioni di altri palazzi storici del nostro bel Paese tra i quali la Villa Reale di Monza, Castel Baradello, la Torre di Carugo e la chiesa di San Zeno.

Anche quest’anno è prevista la collaborazione con le scuole: gli alunni delle classi primarie di Villa di Serio esporranno quadri realizzati con i mattoncini, mentre i ragazzi del Patronato S. Vincenzo di Endine Gaiano hanno contribuito alla realizzazione della locandina dell’evento.

Non mancheranno spazi dedicati al gioco libero, con tavoli attrezzati con mattoncini adatti alle fasce di età: 3-6 anni DUPLO® e 6-15 anni LEGO®, oltre a laboratori a tema rivolti non solo ai piccoli. Durante l’evento si terrà CREACTIVE, il concorso per costruzioni originali riservato a bambini e ragazzi dai 5 ai 14 anni, con premiazioni domenica 31 alle ore 14.30.

Domenica, presso il cineteatro Don Bosco, alle 16.00 ci sarà la proiezione del film “THE LEGO MOVIE 2”. Durante le giornate di apertura è indetta una lotteria con in palio 6 scatole Lego. L’estrazione avverrà domenica alle 17.30. Ci sarà spazio anche per la beneficenza con il progetto “TRASFORMA I TUOI MATTONCINI  LEGO® IN BENEFICENZA”, rivolto a tutte le persone che possiedono dei pezzi LEGO® che non usano più e vogliono liberarsene. Potranno portarli presso il punto accoglienza dell’esposizione lasciarli a titolo gratuito e, per ogni KG di mattoncini LEGO® raccolti verrà dato un controvalore in Euro per l’acquisto di nuovi giochi e per le attività dello SPAZIO GIOCO E PRIMO VOLO di Villa di Serio.

L’esposizione continuerà presso la sala della Comunità della Biblioteca di Villa di Serio, in Villa Carrara dove, oltre ad alcune creazioni, sarà esposta proprio la Villa Carrara realizzata con 36.000 mattoncini, ci saranno laboratori per bambini da 0 – 6 anni ed uno spazio Playstation con videogiochi LEGO®.

Nei giorni dell’evento sarà possibile visitare gratuitamente la magnifica sede del Comune grazie a guide che accompagneranno gli interessati a vedere le sale del palazzo. Il ritrovo è all’ingresso della Villa Carrara sita in Via Papa Giovanni XXIII, 60. Orari delle visite guidate (durata di 45 minuti): sabato 30 marzo: ore 15 e 16.30; domenica 31 marzo: ore 10.30 – 15.00 e 17.00.

Nella giornata di sabato 30, alle ore 16.00 si svolgerà CACCIA AL MATTONCINO, caccia al tesoro a tema LEGO® rivolta ai ragazzi delle scuola secondaria di primo grado. Bancarelle e Cosplayer negli spazi esterni dell’esposizione.

Tutte le informazioni disponibili sul sito www.traiettorieinstabili.it.



Incendio nella notte a Magnone di Colere


Incendio nella notte nella frazione Magnone di Colere. Fiamme vicine alle abitazioni.

Incendio nella notte tra lunedì 25 e martedì 26 marzo a Magnone di Colere: le fiamme sono scaturite a mezzanotte nel bosco e sono state alimentate dal forte vento fino ad arrivare vicino alle abitazioni.

In azione numerose squadre di Vigili del fuoco che hanno lavorato ininterrottamente fino alle 5 di mattino. In azione anche l’elicottero per spegnere definitivamente l’incendio. La causa del rogo è al vaglio delle forze dell’ordine.

Tutti i diritti riservati ©



Cade da cavallo a Casnigo, 29enne in ospedale


Una 29enne è caduta da cavallo in zona Madonna d’Erbia a Casnigo: è ricoverata in ospedale.

Incidente a cavallo questo pomeriggio alle 17.40 a Casnigo: una 29enne è caduta mentre stava facendo un’escursione nella zona del Santuario della Madonna d’Erbia.

La ragazza è stata soccorsa da un’ambulanza della Croce Verde di Colzate e trasportata in codice giallo alle Cliniche Gavazzeni di Bergamo.

Tutti i diritti riservati ©



Tragedia di Gazzaniga, 5 a processo a giugno


Udienza preliminare il 7 giugno per la morte del 14enne schiacciato da un pullman della Sab a Gazzaniga. A processo l’autista, la società come persona giuridica e tre dirigenti.

Udienza preliminare il 7 giugno per la morte di Luigi Zanoletti, lo studente 14enne di Ardesio che il 24 settembre morì schiacciato da un pullman della Sab, alla stazione di Gazzaniga. Il giovane stava prendendo l’autobus per tornare a casa dopo aver frequentato le lezione al vicino istituto ISISS Valle Seriana.

Il pm Giancarlo Mancusi ha chiesto il rinvio a giudizio per cinque imputati: Aliou Gningue, l’autista senegalese che era alla guida dell’autobus, è indagato per omicidio stradale. All’azienda Sab come persona giuridica viene contesta la responsabilità amministrativa per presunte omissioni relative alla sicurezza nel piazzale dei pullman. Tre dirigenti della società sono invece indagati per omicidio colposo: si tratta del presidente del Cda Angelo Costa, del responsabile del servizio di prevenzione Moraldo Bosini e di Massimo Pierattiglio Gandini, che partecipò alla stesura del documento di valutazione dei rischi.

Secondo il pm infatti, non fu solo una manovra sbagliata a causare la morte del ragazzo, ma il percorso pedonale sul piazzale era ingannevole e un incaricato avrebbe dovuto evitare il sovraffollamento degli studenti sullo spazio degli autobus.

Tutti i diritti riservati ©



Cani avvelenati sul Monte Grem, 3 casi in 10 giorni


Salgono a 3 i casi di cani morti avvelenati sul Monte Grem in territorio di Gorno negli ultimi 10 giorni.

Non è un caso isolato quello del cane morto ieri a causa di un boccone avvelenato sul Monte Grem a Gorno (leggi qui): la settimana scorsa un altro cane era morto in circostante simili e anche giovedì sera la stessa sorte è toccata ad un altro animale, come ci ha raccontato il suo proprietario.

“E’ successo nei boschi del monte Grem sul versante della Val del Riso – spiega Mirko -. E’ successo giovedì in tarda serata. Abbiamo la certezza dei bocconi avvelenati perché prima di morire ha agonizzato vomitando questi due bocconcini”.

I casi salgono dunque a tre in una decina di giorni e la zona interessata dai bocconi avvelenati si estende così dalla località Porchera (dove c’è la zona parcheggio per gli escursionisti e dove è morto il cane di ieri), ai boschi dello stesso monte.

Si raccomanda dunque massima prudenza ai proprietari di cani che compiono passeggiate in quella zona.

Tutti i diritti riservati ©