Come a 8000 metri, la preparazione di Moro e Lunger


La preparazione di Simone Moro e Tamara Lunger per la prossima spedizione invernale: in una stanza come a 8000 metri.

Foto dal profilo Instagram di Simone Moro

Annunciata nei giorni scorsi (leggi qui), la prossima spedizione invernale di Simone Moro e Tamara Lunger è già cominciata con la preparazione nella camera ipobarica di Bolzano.

L’acclimatamento artificiale per i due avverrà in questi giorni all’interno di terraXcube, il centro per la simulazione di climi estremi di Eurac Research in Alto Adige.

Fisiologi e medici monitoreranno l’acclimamento nella camera ipobarica e anche il de-acclimatamento, una volta che Tamara e Simone saranno tornati.

La nuova spedizione prevede la salita del Gasherbrum I e il concatenamento con il Gasherbrum II. A riguardo Moro ha scritto un post sul suo profilo Instagram.

“Nell’estate del 1984 Reinhold Messner e Hans Kammerlander fecero la prima salita e attraversamento delle due cime, Gasherbrum I (8.068 m) e Gasherbrum II (8.035 m). 35 anni dopo, Tamara Lunger e io vogliamo ripetere la stessa avventura, ma nella stagione più difficile, l’inverno, cercando di collegare le due cime di 8000 m. Nessuno in tutti questi anni ha mai ripetuto questa traversata, nemmeno in estate. A differenza di 35 anni fa, proveremo a ripetere questa grande avventura basata sulla nostra esperienza con le salite invernali”.

Tutti i diritti riservati ©