Rischio slavine, al Giro d’Italia salta il Gavia


La tappa del Giro d’Italia Lovere-Ponte di Legno di martedì perde il passaggio al Gavia, una delle ascese più attese, scendendo da 226 a 194 km.

La 16° tappa del Giro d’Italia Lovere-Ponte di Legno di martedì 28 maggio perde il passaggio al Passo Gavia, una delle ascese più attese che era la Cima Coppi di questa edizione. La tappa scende così da 226 a 194 km.

Il Passo Gavia nei giorni scorsi

“Abbiamo deciso, alla luce delle previsioni meteo incerte e del rischio slavine, che il Gavia non si farà – ha spiegato Mauro Vegni, direttore del Giro -.

La tappa rivista sarà di 194 km rispetto ai 226 iniziali, con un dislivello di 4800 metri.

Rispetto al percorso originale, prima di arrivare a Edolo i ciclisti affronteranno una salita inedita, quella del Cevo, 1054 metri di altitudine, per scendere di nuovo a Edolo e fare l’Aprica dal tratti più duro, quello interno al paese.

Da lì si affronteranno i 1854 metri del Mortirolo con traguardo a Ponte di Legno.

La nuova Cima Coppi diventa il Passo Manghen, 2047 metri nella penultima tappa.

Tutti i diritti riservati ©



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *