Scout speed, ambulanza a 69 km/h – scatta la multa


Scout Speed lungo le strade della Valle Seriana: multata anche un’ambulanza della Croce Verde. Andava a 69 km/h invece dei 60 previsti.

Il sistema “scout speed”

I nuovi controlli della velocità che vengono effettuati lungo la strada provinciale della Valle Seriana nei territori di competenza dell’Unione Sul Serio attraverso il dispositivo mobile “scout speed” montato sulle auto della Polizia Locale hanno “beccato” mentre superava i limiti consentiti anche un’ambulanza della Croce Verde Città di Albino.

Come si legge nel verbale inviato alla nostra redazione l’ambulanza, la sera del 12 agosto, percorreva il tratto di strada nel comune di Casnigo a 69 km/h invece dei 60 previsti (65 è la tolleranza entro la quale non scatta la multa).

L’ambulanza stava effettuando un intervento in codice verde, quindi non grave.

Insieme al verbale, un volontario della Croce Verde pone questa riflessione che condividiamo con voi:

Seriamente ci chiediamo solo una cosa: se il codice della strada prevede per strade extraurbane principali il limite di 90 km orari, perchè continuiamo a subire passivamente l’abbassamento dei limiti ai fini di una decantata sicurezza? La sicurezza è anche arrivare con una ambulanza in tempi ragionevoli, pur senza sirena, perchè esiste anche la necessità di non passare mezza giornata ad attendere un mezzo sol per il fatto che non è un codice rosso. Ma il discorso è allargabile a tutti i cittadini, poiché non ci sembra molto ragionevole alcun limite posto in valle Seriana. In molti si lamentano, alcuni sono favorevoli (specialmente quelli che l’auto la usano in tutta evidenza poche volte). La superstrada della Valle Seriana da Casnigo a Bergamo non attraversa centri abitati, non passa davanti a scuole o asili. Se l’intento è azzerare qualsiasi rischio resta solo una via, ossia andare a piedi, perchè in auto ormai non è più concesso. Si passano interi km con lo sguardo non più sulla strada, ma sul contachilometri. E ciò non è sicuro: non si vuole giustamente che le persone usino il telefono alla guida e ciò è cosa buona e giusta. Però se non si tiene lo sguardo sul contachilometri costantemente si prende la sanzione. Entrambe le situazioni sono distrazioni pericolose. Un appunto: non ce l’abbiamo con gli agenti che fanno il loro lavoro, piaccia o meno. In realtà non ce l’abbiamo con nessuno. Solo riflettiamo e ci permettiamo di esternare una critica. Grazie.

Tutti i diritti riservati ©