Tre inchieste per la morte di mamma e figlia


Aperte tre inchieste per la morte di mamma e figlia durante un cesareo d’urgenza ad Alzano Lombardo.

Sono tre le inchieste aperte per far luce sulla morte della neonata e della mamma morte rispettivamente durante e dopo un cesareo d’urgenza martedì agli ospedali di Alzano Lombardo e di Bergamo.

Una è stata aperta dalla procura, la seconda dalla stessa struttura ospedaliera di Alzano e la terza da Ats Bergamo, su richiesta della Regione.

La mamma era Robertine Guira, una trentaseienne nativa del Burkina Faso da tempo in Italia residente a Torre Boldone con il marito e altre due figlie.

Il magistrato aprirà un fascicolo per duplice omicidio colposo e nel quale potrebbero essere iscritti i nomi di alcuni medici e del personale sanitario che hanno avuto a che fare con mamma e figlia: un atto dovuto, per consentire ai possibili indagati di nominare un consulente in vista dell’autopsia, esame che il sostituto procuratore ritiene fondamentale e che rappresenta il primo passo per tentare di risalire a eventuali responsabilità.

Tutti i diritti riservati ©