Val Seriana, arriva l’estate ma i ponti della ciclabile sono ancora chiusi


In molti lamentano la chiusura dei ponti della pista ciclabile della Valle Seriana soprattutto in vista della bella stagione. Tanti i ciclisti e pedoni costretti a fare retrofront.

Ciclisti costretti a fare retrofront a Fiorano al Serio

Prove d’estate in Val Seriana dove questa domenica di inizio giugno sta regalando temperature vicine ai 30 gradi e una giornata baciata dal sole. Tutto molto gradevole se non fosse per i numerosi ciclisti e pedoni costretti a fare retrofront a causa della chiusura dei ponti della pista ciclabile.

Stiamo parlando del ponte tra Gazzaniga e Cene e di quello di Fiorano al Serio nei pressi del chiosco in località Buschina.

Il ponte chiuso a Fiorano al Serio

I ponti sono chiusi in seguito a delle ordinanze comunali emesse a settembre del 2018 dalle amministrazioni per l’avanzato stato di deterioramento degli stessi.

In questi mesi però la situazione non è stata risolta e, nonostante l’alta affluenza lungo la pista ciclabile soprattutto nei mesi primaverili e estivi, nulla di ufficiale è ancora stato comunicato riguardo alla sistemazione dagli enti preposti .

La pista ciclabile della Valle Seriana, fiore all’occhiello del turismo locale, è dunque ancora interrotta: ciò crea qualche problema soprattutto a chi raggiunge la nostra zona da fuori. In tanti, soprattutto sui social network, lamentano la scarsa attenzione al problema che porta anche a delle situazioni pericolose di attraversamento e transito sulle strade limitrofe ma ad oggi nessuno amministratore locale o rappresentate della Comunità Montana ha dato una riposta concreta.

Nel frattempo i mesi passano e il caldo aumenta, così come il malcontento. Davanti ai divieti e alle sbarre non resta dunque che fare dietrofront e godersi una buona merenda al chiosco, come quello presente in località Buschina a Fiorano al Serio o qualche ora di relax nei vicini parchi.

Il chiosco a Fiorano al Serio
Il parco Buschina a Fiorano al Serio

Tutti i diritti riservati ©